SELEZIONARE LA LINGUA:

Rappresentazione della diversità nell'audio nei videogiochi

Modalità inclusive di scrittura, scelta dei talenti e traduzione migliorano lo sviluppo della storia e dei personaggi

I creatori di videogiochi sempre più spesso mirano a creare trame e personaggi che riflettano la diversità della società in un modo che sia allo stesso tempo inclusivo e autentico. Alla base di tutto questo ci sono il senso di responsabilità e i valori sociali. Oltre a ciò, la creazione di personaggi insensibili può mettere a rischio il successo e la reputazione di un gioco. Lionbridge Gaming è orgogliosa di supportare iniziative incentrate sulla diversità delle voci e delle storie. Per raggiungere questo obiettivo, abbiamo rivoluzionato i nostri processi. 

Come soddisfare le esigenze degli studi  

Il mercato internazionale sta raggiungendo nuovi territori e Lionbridge Gaming continua ad aprire studi in nuovi Paesi. Insieme alla nascita di nuovi studi, sta emergendo anche la necessità di dare voce ai personaggi con madrelingua provenienti da luoghi in cui non sono presenti studi né esperienza locale nella produzione vocale per i videogiochi.   

Di recente abbiamo registrato voci di doppiatori per l'audio della versione originale in una lingua di cui non conoscevamo nemmeno l'esistenza. Per preservare l'autenticità, siamo andati a registrare nel Paese del doppiatore. Reti di studi di portata internazionale, registrazione remota da studio a studio e persino soluzioni di registrazione da casa sono tecnologie importanti per dare voce a comunità e culture finora poco rappresentate nella produzione di videogiochi.  


I nuovi doppiatori favoriscono la diversità

I pool locali di doppiatori esperti nei videogiochi riflettono in genere il lavoro che è stato storicamente disponibile. Non c'è quindi da sorprendersi se spesso notiamo una profonda mancanza di diversità.  

Di recente, Lionbridge ha registrato voci non binarie e transgender in più lingue. Di comune accordo con i clienti, abbiamo deciso che i doppiatori più titolati a rappresentare in modo autentico la comunità LGBTQ+ erano quelli che ne facevano parte. 

Per raggiungere i doppiatori tradizionalmente esclusi, è stato necessario allargare i nostri metodi di ricerca del personale. Abbiamo quindi coltivato relazioni con le comunità delle minoranze e le organizzazioni che le rappresentano e abbiamo adattato i nostri processi per supportare i talenti emergenti aiutandoli ad acquisire esperienza.   

Poiché nessuno dei nostri collaboratori si era ancora identificato come LGBTQ+, i nostri team di casting locali hanno fatto ricorso ai propri contatti personali o si sono rivolti a gruppi locali per riuscire a raggiungere talenti non binari e transgender, adottando un approccio semi-professionale per valutare il loro interesse. I nostri voice coach hanno collaborato con i talenti selezionati per aiutarli a comprendere le tecniche altamente specializzate per la registrazione dell'audio dei videogiochi.  

Anche noi abbiamo imparato alcune cose. Direttori artistici e team di registrazione sono stati formati per comprendere gli obiettivi artistici e gestire i talenti con sensibilità. I tecnici audio si sono adattati a lavorare con frequenze vocali al di fuori delle norme binarie di genere. È stato un lavoro di squadra, che verrà perfezionato e ripetuto man mano che ampliamo i pool di talenti e i team di registrazione per soddisfare la crescente domanda di diversità vocale.  

Linguaggio appropriato  

L'inclusività nell'audio dei videogiochi inizia ancora prima di pronunciare o registrare la prima parola. Script e linguaggio giocano anch'essi un ruolo importante. I controlli automatici possono rilevare i termini offensivi, ma solo scrittori, traduttori, revisori e team di registrazione culturalmente sensibili possono assicurare che il linguaggio usato sia realmente inclusivo.  

Lionbridge forma i suoi team per raggiungere questo obiettivo, insegnando loro tecniche come la scrittura basata sulla neutralità di genere e la gestione di pronomi non binari nelle lingue di destinazione. I nostri team audio hanno già familiarità con la gestione di più opzioni di genere per i videogiochi, grazie alle quali i giocatori possono scegliere il genere del proprio personaggio. Inoltre, la nostra tecnologia di registrazione si sta attrezzando per supportare al meglio più varianti di genere non standard.  


Ne vale la pena? 

Assolutamente sì!

Per affrontare le sfide di inclusività, diversità e autenticità nell'audio è necessaria la partecipazione di ogni membro del team durante l'intero processo di produzione. Stiamo attraversando un periodo di transizione in cui l'inclusività richiede il reclutamento di nuovi professionisti al fine di colmare il vuoto creatosi negli anni.   

I talenti selezionati per dare voce a questi ruoli possono sentirsi spinti a rappresentare la propria comunità e allo stesso sentirsi orgogliosi di un ruolo e/o una storia che trasmette il loro messaggio. Più che mai, in questo caso, è necessario un lavoro di squadra per creare l'ambiente e i processi in cui il talento si senta a proprio agio.  

Ciò significa un aumento del lavoro e dei processi e la possibilità che un talento vocale appena assunto possa non offrire le prestazioni di un professionista del doppiaggio di Hollywood.    

Ma i rischi e le sfide di questo tipo si possono superare facilmente grazie alla risposta delle comunità che si sono viste e sentite autenticamente rappresentate nei videogiochi.   

Lionbridge continuerà a supportare questa ricca diversità di talenti ancora inespressi. Hanno molto da offrire e noi abbiamo assolutamente bisogno del loro aiuto. 

Lionbridge Games fornisce servizi di culturalizzazione, revisione geopolitica e design narrativo per fare in modo che i videogiochi dei clienti ottengano l'impatto desiderato superando ogni barriera linguistica e culturale. Contattateci per scoprire i nostri servizi per i vostri videogiochi.

  • #blog_posts
  • #gaming
  • #translation_localization
linkedin sharing button

Nicolas Underwood and Simona Pelli with April M. Crehan
AUTORI
Nicolas Underwood and Simona Pelli with April M. Crehan