Grazie alla nostra rete di collaboratori, da oltre 20 anni aiutiamo le aziende a connettersi con i loro clienti. 

Chi siamo
Leadership
Notizie
Dati principali

Il nostro orgoglio è il nostro personale, che aiuta le aziende a entrare in risonanza con i propri clienti per oltre 20 anni.

Life Science
Settore bancario e finanziario
Distribuzione
Gaming
Settore automobilistico
CPG
Tecnologia
Produzione industriale
Servizi per il settore legale
Viaggi e turismo

SELEZIONARE LA LINGUA:

The E-Commerce Disruption Series: 6 segnali che il vostro sito di e-commerce multilingue non è ottimizzato

Il Global Search Expert di Lionbridge vi svela come avere successo nell’e-commerce

Questa pubblicazione è il secondo articolo della "E-Commerce Disruption Series" di Lionbridge, che analizza i cambiamenti provocati dalla pandemia di COVID-19 nel settore dell’e-commerce.

Siete leader globali. Operate da anni nel settore dell’e-commerce. Siete in controllo della situazione. Giusto? Forse no.

Forse c’è qualcosa che non va. Il vostro sito pubblica contenuti di alta qualità, ma non registra il traffico che vi aspettate – né le vendite. Perché?

Brendan Walsh, Global Search Subject Matter Expert di Lionbridge, svolge l’analisi tecnica della SEO dei siti di e-commerce multilingue. E scopre che spesso le multinazionali più sofisticate non si rendono conto che i loro siti web non sono ottimizzati. Un passo falso in questo campo può danneggiare gli utili. Il lavoro di Walsh consiste nell’identificare la causa del problema e trovare il modo di porvi rimedio. Questo tipo di analisi diventa ancora più importante alla luce della forte crescita dell’e-commerce.

La pandemia di COVID-19 ha spinto un numero sempre maggiore di consumatori a effettuare acquisti online. Ormai si sono abituati a comprare su Internet ed è probabile che continueranno a farlo anche in futuro, anche se alcune regioni cominciano ad allentare le misure di distanziamento sociale. Secondo Walsh, è il momento giusto per mettere a punto il vostro sito web in modo da sfruttare appieno il potenziale dell’e-commerce .

“Se non approfittate di questo cambiamento e della crescente tendenza dei consumatori ad acquistare online, lo farà qualcun altro” spiega Walsh. “Quando un prodotto funziona a livello locale, esiste l’opportunità di commercializzarlo su scala globale. È qui che Lionbridge può esservi di grande aiuto.”

Walsh analizza periodicamente i siti web multilingue di aziende multinazionali globali per trovare il modo di migliorare la loro visibilità in ogni mercato e porre rimedio a eventuali problemi prima che facciano ingresso in nuove aree geografiche. I suoi rapporti personalizzati di analisi dei siti web si concentrano su 6 aspetti che possono creare problemi alle aziende. Ci ha parlato del suo lavoro.

D: Quali sono i 6 aspetti su cui ti concentri quando analizzi il sito di un’azienda e perché sono importanti?

N. 1: velocità

Lo smartphone ha la priorità. Se una pagina web non è adatta ai dispositivi mobili, non è ottimizzata. Inoltre, Google indicizza prima la versione per dispositivi mobili; se una pagina non risponde o non è abbastanza veloce su smartphone, ne risentirà anche la performance della versione desktop.

Uno degli errori più frequenti che incide sulla velocità dei siti web riguarda l’ottimizzazione delle immagini. Se l’immagine non è ottimale, i tempi di caricamento della pagina si allungano notevolmente. Mi è capitato di analizzare pagine che ci mettevano anche 10 secondi a caricare un’immagine. Ma gli utenti non sono disposti ad aspettare tanto. La buona notizia è che questo problema è uno dei più facili da risolvere. Non c’è bisogno di modificare il codice e bastano due o tre secondi per sistemare un’immagine.

N. 2: geotargeting

Geotargeting significa caricare la pagina giusta per il mercato locale. Se avete creato contenuti per il Regno Unito ma i vostri utenti britannici trovano testi in inglese americano anziché britannico, avete un problema di geotargeting. Non è facile usare correttamente questa impostazione per chi non se ne è mai occupato. Si possono commettere errori di vario tipo, che generano contenuti nascosti. È per questo che poi non si carica la pagina giusta. La funzionalità di questo tool può essere influenzata da diversi fattori, tra cui problemi tecnici o di localizzazione. Ad esempio, è importante saper usare bene Google Search Console. I problemi di geotargeting sono più difficili da risolvere se non si ha una conoscenza approfondita del tema. Sono poche le aziende che dispongono della competenza necessaria in materia di geotargeting, ma potete affidarvi all’esperienza di Lionbridge in questo campo. Abbiamo sviluppato un tool interno per risolvere problemi di geotargeting perché un utente in Francia acceda direttamente alla pagina francese del vostro sito.

#3 Bot e sitemap

È importante capire in che modo un bot effettua la scansione del vostro sito web. Le istruzioni contenute nel file robots.txt dicono ai bot dei motori di ricerca in che modo indicizzare il sito. Effettuo un paio di verifiche per scoprire se i contenuti vengono bloccati o l’accesso è negato oppure se qualcosa impedisce di indicizzare i contenuti del sito. Controllo se esiste un link a una sitemap e se questa è strutturata correttamente. Gli errori relativi ai file robots.txt possono creare notevoli problemi. I comandi possono nascondere tutti i contenuti del sito o impedire l’indicizzazione di contenuti validi. Una sitemap aggiornata aiuta i bot a trovare rapidamente le nuove informazioni.

N. 4: sicurezza

Sul piano della fiducia, la sicurezza è tutto. Se i clienti vedono la dicitura “Non sicuro” nella parte in alto a sinistra dello schermo, quante probabilità ci sono che inseriranno i dati della loro carta di credito per fare un acquisto? Alcuni utenti effettueranno comunque il pagamento, forse perché non avranno notato l’avviso, ma altri decideranno di non procedere. Molti problemi di sicurezza sono dovuti al fatto che i riferimenti ai media sono creati da URLs http o che vengono utilizzati link a siti non sicuri. In pratica, quando analizziamo questi problemi di solito scopriamo che esistono versioni https dei media o dei link in questione. Basta cambiare il riferimento da http a https per risolvere il problema.

N. 5: dati strutturati

I dati strutturati sono il dono di Google alle ricerche. Si tratta della possibilità di descrivere il contenuto di una pagina direttamente sui bot di Google. Potete mettere in evidenza i contenuti importanti in modo che Google possa utilizzare i dati correttamente, migliorando i risultati delle ricerche. I problemi nascono quando il mapping dei dati strutturati non è completo. Di conseguenza, le informazioni relative al vostro prodotto potrebbero risultare incomplete. Ad esempio, una ricerca può dare come risultato l’immagine e la descrizione del prodotto, ma magari mancano le sezioni relative a prezzi, disponibilità o recensioni. Le probabilità di vendere un prodotto sono maggiori se tutte le relative informazioni sono immediatamente disponibili sul sito. Inoltre, gli acquirenti tendono a preferire i siti corredati di immagini invitanti. Basta un pomeriggio per effettuare il mapping dei dati strutturati nel sistema di gestione dei prodotti, che deve essere configurato definendo immagine, descrizione, prezzo, disponibilità e recensioni. Si tratta di un accorgimento estremamente importanti per riuscire a vendere, in particolare per i siti che commercializzano prodotti.

N. 6: risultati delle ricerche correlate o non correlate a un brand

I risultati delle ricerche correlate o non correlate a un brand vengono sommati. È così che dimostro visualmente i risultati delle ricerche ai nostri clienti. In entrambi i casi – che le ricerche includano o no un brand aziendale – analizziamo la posizione della società nella pagina. Migliore è il posizionamento in questa classifica, maggiore è il numero di clic ottenuto. Viceversa, i clic diminuiscono se i concorrenti dispongono di pagine di prodotti più ottimizzate, contenuti descrittivi migliori, immagini e dati strutturati ottimizzati.

D: Le aziende si stupiscono quando scoprono che le loro pagine non sono sufficientemente ottimizzate?

Sì. Molte società non si rendono conto che i loro siti hanno problemi tecnici e sfruttano questa occasione per aumentare la loro visibilità. Abbiamo aiutato numerose multinazionali di beni di consumo a ottimizzare la loro performance su più siti. Accade spesso che inizialmente una pagina web dia buoni risultati, ma nel tempo i suoi contenuti non sono più aggiornati e la tecnologia diventa obsoleta.

D: Hai un ultimo consiglio per i nostri lettori?

Se un’azienda multilingue ha il dubbio che il suo sito web non dia i migliori risultati possibili, in prima battuta tende a dare la colpa ai contenuti. Ma se lavora con un fornitore di servizi linguistici del calibro di Lionbridge, può stare certa che i contenuti siano assolutamente impeccabili. Nella maggior parte dei casi, la causa è invece la scarsa ottimizzazione del sito. Per risolvere il problema bastano un pizzico di attenzione e determinazione.

Contattateci

Volete aumentare la visibilità online della vostra azienda? Contattateci per sapere se siete idonei a ricevere un rapporto di analisi del vostro sito web a titolo gratuito.

  • #testing_services
  • #retail
  • #blog_posts
  • #travel_hospitality
  • #global_marketing

#ecommerce #analisitecnicaseo #analisisitoweb #ottimizzazionesitoweb


Janette Mandell
AUTHOR
Janette Mandell