Grazie alla nostra rete di collaboratori, da oltre 20 anni aiutiamo le aziende a connettersi con i loro clienti. 

Chi siamo
Leadership
Notizie
Approfondimenti
Dati principali

Il nostro orgoglio è il nostro personale, che aiuta le aziende a entrare in risonanza con i propri clienti per oltre 20 anni.

Life Science
Settore bancario e finanziario
Distribuzione
E-Commerce
Lionbridge Games
Automobilistico
Beni di consumo confezionati
Tecnologia
Produzione industriale
Servizi per il settore legale
Viaggi e turismo

Sfruttate Lionbridge Lainguage Cloud per supportare le esigenze di localizzazione end-to-end e il ciclo di vita dei contenuti

Lainguage Cloud™ Piattaforma
Connettività
Translation Community
Tecnologia per il flusso di lavoro
Smairt Content™
Smairt MT™
Smairt Data™

SELEZIONARE LA LINGUA:

Come scegliere un URL multilingue

Cinque elementi da considerare per un sito web internazionale

Quando si inizia a pianificare la traduzione di un sito web, in genere si considerano i mercati di riferimento, le lingue di destinazione e i tipi di contenuti che devono essere tradotti. E la struttura degli URL? La strategia relativa alla struttura degli URL multilingue è un elemento fondamentale nella traduzione e nell'ottimizzazione per i motori di ricerca (SEO, Search Engine Optimization), fin dalle fasi iniziali del processo.

Dopotutto, sia gli utenti che i motori di ricerca deducono informazioni sul vostro sito web e sul vostro brand a partire dalla struttura e dal formato degli URL. L'approccio che scegliete verrà probabilmente replicato in tutti i mercati, quindi dovete considerare non solo le lingue di destinazione in cui prevedete di tradurre a breve termine, ma anche quelle che pensate di supportare nel giro di due o tre anni.

Contattate i nostri esperti per saperne di più sulle diverse opzioni di ottimizzazione del vostro sito web multilingue.

A scopo di brevità, questo articolo è incentrato su Google, il motore di ricerca preferito dall'80% del pianeta. Per i Paesi in cui Google non è il motore di ricerca più popolare, ad esempio Cina (dove predomina Baidu), Giappone (Yahoo), Corea (Naver) o Russia (Yandex), assicuratevi che il vostro partner di globalizzazione abbia l'esperienza necessaria per personalizzare il vostro approccio con questi motori di ricerca internazionali, così da raggiungere risultati ottimali in tutti i mercati che volete raggiungere.

Struttura dell'URL di un sito web multilingue


Ci sono tre approcci comuni per la creazione di strutture di domini/URL internazionali:

 

Dominio di primo livello nazionale (ccTLD, Country-Code Top-level Domain)

www.mywebsite.es


Sottodominio

es.mywebsite.com


Sottodirectory

www.mywebsite.com/es/


 

Un quarto approccio consiste nell'usare stringhe di query per determinare lingua e Paese.

Questo articolo del Centro assistenza Google, ad esempio, include il parametro ?hl=en per indicare l'inglese, mentre ?hl=de rimanda alla versione tedesca dello stesso articolo.

https://support.google.com/webmasters/answer/40349?hl=en
https://support.google.com/webmasters/answer/40349?hl=de

Esaminiamo i vantaggi e gli svantaggi degli approcci basati su domini di primo livello nazionali o generici (ccTLD/gTLD), sottodomini e sottodirectory in relazione a:


  1. Impatto locale del brand

  2. Vantaggi SEO

  3. Configurazione e manutenzione

  4. Costi

  5. Hosting e reti per la distribuzione di contenuti

Iniziamo con una breve panoramica di ciascun approccio.

Nomi di dominio di primo livello generico (gTLD, Generic Top-Level Domain)


Un nome di dominio di primo livello generico (gTLD) non è legato a un Paese specifico, ma è associato a una determinata classe di dominio. È il caso, ad esempio, dei domini di primo livello originali (e molto richiesti), come .com per le imprese commerciali, .org per le organizzazioni no profit ed .edu per le istituzioni educative.

Negli ultimi anni sono stati introdotti centinaia di nuovi domini di tipo gTLD, costituiti in genere da tre o più caratteri (ad esempio .shop, .biz e .info).

Nomi di dominio di primo livello nazionale (ccTLD, Country-Code Top-Level Domain)


URL di nome di dominio di primo livello nazionale

I nomi di dominio di primo livello nazionale, o ccTLD, sono considerati da molti l'opzione migliore per i siti web localizzati e sono legati a un Paese specifico, ad esempio .de per la Germania o .cn per la Cina.

Secondo Google, un ccTLD comunica nel modo più evidente ai visitatori e ai motori di ricerca che un sito web è destinato a un Paese specifico. Inoltre, fornisce alcuni vantaggi SEO per il mercato di riferimento. Dalle ricerche emerge anche che in molti Paesi gli utenti fanno acquisti con maggiore frequenza nei siti web con un ccTLD.

Uno svantaggio: seppur disponibili, i domini di primo livello nazionali devono essere acquistati e gestiti in ciascun mercato. L'approccio basato su domini di primo livello nazionali è l'opzione migliore per una grande azienda che ha risorse da investire. Amazon, ad esempio, integra il codice del Paese addirittura nel logo per ciascun mercato.

Sottodomini


URL di un sottodominio

Un sottodominio è un'aggiunta al nome di dominio principale che aiuta a organizzare le diverse sezioni di un sito web e ad accedervi direttamente. Se, ad esempio, il vostro nome di dominio di primo livello fosse prodotto.com, il sito per il tedesco si troverebbe nel sottodominio de.prodotto.com.

Potete creare più sottodomini o domini figli del dominio principale. La struttura di questi URL, semplice e visivamente invitante, offre una soluzione facile e veloce per il targeting di un Paese o di una lingua in particolare.

Sottodirectory


URL di sottodirectory

La sottodirectory, detta anche sottocartella o subdir, rappresenta la tecnica usata più comunemente per creare siti web multilingue ed è costituita da una parte dell'URL che punta a un sottoinsieme di contenuti specifico. In un sito multilingue, ciascuna lingua è una sottodirectory del sito e le singole directory si trovano a destra del dominio. Ad esempio, www.sitodiesempio.com/de-de è per le persone di lingua tedesca della Germania, mentre www.sitodiesempio.com/fr è per tutti i francofoni.

Pro e contro degli approcci agli URL multilingue


Vediamo ora le implicazioni generali di ciascun approccio agli URL in base ai criteri identificati in precedenza: rilevanza locale del brand, SEO, configurazione e manutenzione, nonché costi.

Impatto sulla rilevanza locale del brand

ccTLD:

  • Ha un impatto elevato e trasmette un ottimo livello di fiducia

Sottodominio:

  • Ha un impatto medio e trasmette un livello medio di fiducia

Sottodirectory:

  • Ha un impatto minimo e trasmette poca fiducia a meno che il brand non sia ben noto nel mercato

Influenza sulla SEO

ccTLD:

  • Indica agli utenti e ai motori di ricerca che il sito web è rivolto a un Paese specifico

  • Può essere facilmente tracciato con la maggior parte degli strumenti di analisi web

  • Ciascun sito web può essere ospitato nel Paese corrispondente per migliorare ulteriormente la SEO multilingue

  • Nessun vantaggio dai siti in altre lingue in quanto ogni sito è autonomo


Sottodominio:

  • Indica agli utenti che il sito web è rivolto a un Paese specifico, mentre i motori di ricerca richiedono il geotargeting di Search Console

  • Può essere facilmente tracciato con la maggior parte degli strumenti di analisi web

  • Ciascun sito web può essere ospitato nel Paese corrispondente per migliorare ulteriormente la SEO

  • Ciascun sito web beneficia in modo limitato della popolarità del dominio radice

Sottodirectory:

  • Offre agli utenti poche indicazioni sul targeting, mentre i motori di ricerca richiedono il geotargeting di Search Console

  • Il tracciamento risulta complesso con la maggior parte degli strumenti di analisi web

  • Tutti i siti sono ospitati nello stesso server e ciò ostacola i miglioramenti SEO

  • Tutti i siti nelle diverse lingue beneficiano della popolarità del dominio

Effetti su configurazione e manutenzione

ccTLD:

  • Complesso da distribuire

  • Richiede che siano disponibili tutti i domini

  • Può richiedere un processo di registrazione diverso in ogni Paese e attività di configurazione e manutenzione distinte per ogni sito

Sottodominio:

  • La distribuzione del geotargeting di Search Console è relativamente facile


Sottodirectory:

  • La distribuzione è estremamente semplice

  • Le spese di manutenzione o configurazione aggiuntive sono limitate

  • Richiede la gestione di una directory distinta per ciascuna lingua

Implicazioni sui costi

ccTLD:

  • Costi elevati

  • Ciascun dominio può richiedere costi di registrazione, configurazione e manutenzione distinti

  • Può richiedere la presenza fisica o imporre altri requisiti

Sottodominio:

  • Costi moderati

  • Richiede l'acquisto di un dominio di primo livello, a meno che non se ne usi uno esistente

  • I costi aumentano se ciascun sottodominio viene ospitato in un mercato distinto

Sottodirectory:

  • Costi contenuti

  • Richiede l'acquisto di un dominio di primo livello

Hosting e reti CDN

Altri aspetti importanti sono l'hosting del sito web e l'uso di reti per la distribuzione di contenuti (CDN, Content Delivery Network). La popolarità delle reti CDN è aumentata in modo significativo negli ultimi anni, di pari passo con la richiesta degli utenti di accedere più rapidamente ai contenuti online, soprattutto nelle aree con infrastrutture meno sviluppate e accesso a Internet più lento.

Anche se nessuno sa esattamente come vengono classificati i siti web dai motori di ricerca, sappiamo che Google penalizza i siti più lenti. E, ovviamente, un'esperienza utente migliore si traduce in una minore frequenza di rimbalzo, un maggior numero di pagine visualizzate e un aumento delle conversioni. Man mano che cresce l'attenzione di Google all'esperienza utente, crescerà anche l'importanza delle reti CDN e dell'hosting all'interno del Paese.

Cosa scelgono i migliori siti web?

L'analista del settore John Yunker, di ByteLevel Research, redige un report annuale che elenca i migliori siti web internazionali del mondo. Abbiamo analizzato i primi dieci siti web del documento 2022 Web Globalization Report Card per capire quali strutture di URL multilingue usano:


    Wikipedia

    Sottodomini


    Google*

    ccTLD


    Airbnb

    ccTLD


    Nestlé

    ccTLD


    Philips

    ccTLD


    Spotify

    Sottodirectory


    Adobe

    Sottodirectory


    IKEA

    Sottodirectory


    Netflix

    Sottodirectory


    Uber

    Sottodirectory

*La Ricerca Google usa domini di primo livello nazionali (ad esempio Google.co.uk), mentre il Centro assistenza Google usa parametri di query.

Cosa ci dice questa tabella? Come vedete, queste organizzazioni usano best practice diverse per la struttura degli URL, ma l'approccio ccTLD è il più comune tra i cinque principali siti web internazionali. Si tratta di un risultato ovvio, in quanto parliamo di grandi organizzazioni che hanno la possibilità di investire in opzioni più dispendiose. Quello delle sottodirectory, tuttavia, resta l'approccio più comune nel Web, in quanto molte aziende hanno budget più ristretti e limitati.

La scelta della struttura di URL per i siti web internazionali non deve essere motivo di preoccupazione. Potete usare queste informazioni comparative per determinare la struttura di URL più adatta al vostro sito web multilingue, in funzione della strategia del brand e del budget della vostra azienda.

Contattateci

State cercando soluzioni efficaci e personalizzate per il vostro sito web multilingue? Parlate con i professionisti Lionbridge.

linkedin sharing button
  • #blog_posts
  • #global_marketing

Lionbridge
AUTHOR
Lionbridge