Grazie alla nostra rete di collaboratori, da oltre 20 anni aiutiamo le aziende a connettersi con i loro clienti. 

Chi siamo
Leadership
Notizie
Dati principali

Il nostro orgoglio è il nostro personale, che aiuta le aziende a entrare in risonanza con i propri clienti per oltre 20 anni.

Life Science
Settore bancario e finanziario
Distribuzione
Gaming
Settore automobilistico
CPG
Tecnologia
Produzione industriale
Servizi per il settore legale
Viaggi e turismo

SELEZIONARE LA LINGUA:

Principi di base della globalizzazione: che cosa significa?

Parte 1 della nostra serie sulla globalizzazione

Questa è la prima di una serie di post di blog in dieci parti sulla "globalizzazione". Nelle prossime dieci settimane offriremo indicazioni e suggerimenti raccolti in vent'anni di attività in questo settore. Prima di tutto: che cosa significa esattamente il termine "globalizzazione"?

di Sophia Eakins

Oggi "globalizzazione" è un termine molto diffuso che tutti abbiamo già sentito. L'idea di globalizzazione, ovvero l'applicazione di pratiche aziendali che permettono di relazionarsi in modo più efficiente con clienti e partner di tutto il mondo, è da anni il nostro radar comune.

In passato, le aziende più ambiziose guardavano alla globalizzazione come uno strumento per accedere a uno o più mercati internazionali. Negli anni, tuttavia, il vero significato di "globalizzazione" è cambiato. Oggi il termine "globalizzazione" si è trasformato rispetto alle sue umili origini da semplice consiglio ad assoluta necessità.

Un mercato basato sulla tecnologia in continua trasformazione


Da cosa nasce l'esigenza delle aziende di adottare un approccio proattivo all'espansione e all'interazione a livello internazionale? In breve, dalle nuove tecnologie. Le rapide trasformazioni e innovazioni tecnologiche hanno ampliato le reti professionali e sociali a una velocità senza precedenti e oltre ogni confine. Di conseguenza, l'accesso al pubblico internazionale è più semplice anno dopo anno. Allo stesso tempo, tutto questo rende più complicato evitare il pubblico internazionale.

Basta osservare i numeri: secondo McKinsey, "i flussi di dati oltre i confini aumentano a velocità quasi 50 volte maggiore rispetto all'ultimo decennio. Quasi un miliardo di utenti di social network ha almeno un contatto straniero, mentre 2,5 miliardi di persone hanno almeno un account e-mail e ogni giorno vengono scambiati 200 miliardi di e-mail. Attualmente circa 250 milioni di persone vivono all'estero e oltre 350 milioni sono acquirenti di siti di e-commerce oltreconfine".

Analizziamo questi dati. Essenzialmente, quantità esponenzialmente maggiori di persone nel mondo si connettono a Internet. Questo, a sua volta, le pone in relazione con altre persone. Analogamente, l'aumento della connettività permette a questi gruppi internazionali eterogenei di stabilire relazioni con un numero sempre maggiore di aziende e di acquistarne i prodotti. Persone e aziende pubblicano contenuti digitali, cui destinatari ubicati oltre gli oceani e i confini possono accedere immediatamente tramite i touchscreen dei propri dispositivi. E così, con il solo clic di un pulsante, chi ha prodotto il contenuto si affaccia sulla scena internazionale.

Un ruolo preminente sulla scena internazionale


Attenzione, creatori di contenuti: la scena internazionale su cui vi affacciate è tanto vasta e affollata quanto suggerisce il termine. Il semplice fatto di occupare un posto sulla scena significa necessariamente essere presenti a livello internazionale secondo quanto intendiamo oggi nel 2019? Alcuni dicono di sì, affermando che un'azienda globalizzata sia qualsiasi organizzazione in grado di interagire, a qualunque livello, con il mercato internazionale. Altri ritengono che la definizione di globalizzazione si sia evoluta insieme al mondo che la circonda e che richieda un'interazione mirata. Di conseguenza, in che modo le aziende possono assicurarsi un ruolo preminente sulla scena internazionale?

Se separiamo le aziende che hanno fallito da quelle che hanno avuto successo nella globalizzazione, tutto si riduce a un termine: intenzionalità. In breve, le aziende di successo devono scegliere intenzionalmente di catturare le sfumature e i dettagli insiti nelle relazioni con un mercato internazionale multilingue così diversificato. Questo significa fare proprie tre competenze essenziali: una mentalità internazionale, uno spirito imprenditoriale internazionale e una cittadinanza globale.

Mentalità internazionale


Innanzitutto, globalizzazione significa adottare una mentalità internazionale. Prima di rivolgervi a un pubblico internazionale, dovrete adattare la vostra strategia di conseguenza. Come intendete farlo nei nuovi mercati? Sapete già come agire?

Spirito imprenditoriale internazionale


Dovrete quindi applicare questa nuova mentalità all'adozione di nuove strategie efficaci a livello internazionale. Individuate nuove idee per creare un'esperienza valida per il vostro pubblico internazionale, nonché per trarre valore da esso. Ponetevi come imprenditori internazionali e utilizzate la vostra creatività per creare valore per voi stessi e per i nuovi clienti.

Cittadinanza globale


Infine, l'aspetto forse più importante: scegliete intenzionalmente un approccio globale presentandovi come cittadini del mondo. L'espressione "cittadinanza globale" è sempre più in voga nel nostro gergo quotidiano. In un'era in cui si aprono continuamente nuovi varchi e si costruiscono nuovi ponti per avvicinare le persone nel mondo, abbiamo una nuova responsabilità, quella di interagire con sollecitudine e rispetto con culture e società che non ci sono familiari. Riconoscendo la diversità, la complessità e le possibili sfide associate all'ingresso in nuovi mercati multiculturali e multilingue, le aziende possono dimostrare la propria aspirazione a diventare cittadini davvero attivi e motivati del mercato internazionale.

In che modo realizzare la globalizzazione in modo intenzionale nel 2019? Come interagire con nuovi mercati per generare consapevolezza e amplificare il messaggio? Volente o nolente, ogni azienda moderna deve tenere conto di queste domande.

La globalizzazione può sembrare un'ardua sfida, ma non necessariamente lo è. Lionbridge si impegna da oltre vent'anni a globalizzare l'approccio di altre aziende. In questa serie in 10 parti presenteremo il nostro punto di vista sulla "globalizzazione": che cosa significa, come adottarla e quando chiedere aiuto.

Nella prossima puntata: "Avere un sito web significa essere un'azienda internazionale?" Fino ad allora, non esitate a contattarci se siete già pronti per intraprendere il viaggio verso la globalizzazione.

Parte 2: Principi di base della globalizzazione: avere un sito web significa automaticamente essere un’azienda globale?

Parte 3: Principi di base della globalizzazione: il glossario

Parte 4: Principi di base della globalizzazione: Come scegliere i mercati di riferimento?

Parte 5: Principi di base della globalizzazione: Come trasformare la concorrenza nella risorsa migliore

Parte 6: Principi di base della globalizzazione: Ottimizzazione della strategia SEO

Parte 7: Principi di base della globalizzazione: Che cos’è una strategia di localizzazione (e perché ve ne serve una)?

Parte 8: Principi di base della globalizzazione: Come creare una strategia di localizzazione

Parte 10: Principi di base della globalizzazione: 10 concetti chiave

  • #blog_posts
  • #translation_localization

Lionbridge
AUTHOR
Lionbridge